s

 

Studio Medico Dott. Paolo Piana
C/o Studio medico MediCare
346 184 5514
Prenota un appuntamento online:
Prenota un appuntamento online:
Prenota un appuntamento online:
 

Endoscopia

Che cos’è l’endoscopia?

L’endoscopia è una procedura in cui si osserva direttamente l’interno delle cavità del corpo umano utilizzando appositi strumenti che sono abbastanza simili (ma non uguali) a seconda degli organi che si vogliono valutare. La visione un tempo era diretta attraverso gli strumenti, oggigiorno si utilizzano quasi sempre telecamere per ritrasmettere su uno schermo le immagini acquisite all’interno del corpo. È ovviamente necessario inviare un fascio luminoso attraverso lo strumento e, quasi sempre, distendere con aria o liquido le cavità che normalmente sono chiuse su loro stesse. Gli strumenti utilizzati, ovvero gli endoscopi, sono tubi semi-rigidi o flessibili, perlopiù lunghi e sottili, dotati di canali per il passaggio della luce, dell’aria/liquido e di eventuali strumenti operativi.

 

In cosa consiste?

Gli endoscopi vengono inseriti nel corpo attraverso un’apertura naturale come la bocca, l’ano e in urologia le vie urinarie naturali. In alcuni casi si entra invece nelle cavità per puntura diretta, ad esempio della parete dell’addome. Esistono diversi tipi di endoscopia a seconda del sito e della funzione della procedura: se è l’intestino ad essere esaminato, per esempio, si parla di colonscopia. Se sono le vie aeree ad essere esaminate, la procedura viene indicata come broncoscopia.
L’endoscopia può essere utilizzata anche per eseguire interventi chirurgici, come nel caso della laparoscopia: in tale situazione il laparoscopio (un particolare tipo di endoscopio) viene inserito attraverso delle piccole incisioni nella cavità addominale. Una volta inserito, l’endoscopio è in grado di inviare le immagini dall’interno del corpo del soggetto ad un monitor esterno.

 

Perché si esegue?

L’endoscopia viene più comunemente utilizzata per assistere nella diagnosi dei disturbi correlati a vari apparati (gastro-intestinale, urinario, ginecologico, respiratorio). Grazie al miglioramento degli strumenti e degli accessori, oggi è possibile eseguire agevolmente per via endoscopica interventi anche molto complessi, In un vicino futuro gli interventi chirurgici tradizionali a cielo aperto diventeranno sempre più rari.

 

Come si esegue l’esame?

In genere le procedure endoscopiche unicamente diagnostiche vengono eseguite in anestesia da contatto o locale, al massimo in leggera anestesia generale. Si tratta quindi di procedure ambulatoriali od in ospedalizzazione diurna. Quando vi è una parte operativa, l’anestesia deve essere più profonda e la degenza successiva varia ovviamente in base alla complessità di quanto eseguito.